jump to navigation

Percorrendo la vita. febbraio 1, 2011

Posted by occhioalgolf in indigenti, Opera San Francesco.
add a comment

Oggi per la prima volta, a 56 anni, ho prestato opera di volontariato puro all’Opera San Francesco di Milano in Via Bonfanti, 9.

Ho fatto visite oculistiche agli emarginati. La prima cosa che ho notato è la disponibilità, attenzione e preparazione della Suora che mi ha accolto, che mi ha illustrato il lavoro e la struttura. La luce negli occhi ed il sorriso sulla bocca dei volontari tutti, a cominciare dal custode. I colleghi simpatici e disponibili. Spesso, nel mondo di oggi che corre ad una velocità impressionante, queste cose sfuggono.

Ma ciò che più mi ha colpito è stata la gentilezza, il sorriso costante ed il ringraziamento di queste persone deboli che apprezzano il lavoro fatto per loro. Tornando in metropolitana ho incontrato un paziente appena visitato che mi ha raccontato la sua storia, forse una come tante, il fatto che non vede suo figlio da più di sette anni perchè non riesce a risparmiare i soldi per il viaggio e cerca di mandare alla sua famiglia tutto per farlo crescere. Andare direttamente a contatto con queste storie per me è devastante. Penso a mia figlia ed alle conseguenze della separazione. Capisco i separati e le loro situazioni, a volte, sovrapponibili a quella del paziente dello Sri Lanka.

Sono contento e stasera, dopo tanto tempo, andrò a letto con il cuore in pace.